COMUNALI ED EUROPEE, I GIOVANI PADANI SI PRESENTANO, 5 IN LISTA. “VOGLIAMO UN NUOVO CORSO”

STRAGLIATI IN CORSA PER LE EUROPEE, DATURI CANDIDATO SINDACO A RIVERGARO, I 23ENNI BOSELLI, CASELLA E ROSSI A CASTELLARQUATO, CAORSO E CALENDASCO

foto conferenza mgp

 PIACENZA - Età media di gran lunga inferiore ai 30 anni. Qualcuno ha già maturato esperienze amministrative, qualcun altro è alla sua prima candidatura. Sono studenti, laureati, lavoratori, professionisti.  E' il biglietto da visita dei giovani del Carroccio in corsa alle amministrative ed europee del prossimo 25 maggio. A presentarli, questa mattina, il coordinatore del movimento e vicesegretario provinciale Luca Zandonella. "Siamo in un bel numero, il nuovo corso di Salvini si fa sentire". Cinque gli aspiranti: sindaci, consiglieri comunali, europarlamentari. Valentina Stragliati, psicologa, 30 anni, assessore uscente a Castelsangiovanni (dove oggi è candidata nella lista 'Castello nel cuore') corre anche per l'Europa, e qui intende far sentire la propria voce "contro l'euro, che ha rovinato la nostra economia" e per avvicinare l'Ue alla gente". "Oggi - sottolinea - è difficile anche ottenere i fondi comunitari, servono processi semplificati, si tratta di cifre importanti".

 

A Rivergaro Edoardo Daturi, 32 anni, è candidato sindaco, sostenuto da una lista monocolore Lega. Propone "priorità concrete per il nostro Comune: sicurezza, salute e ambiente", ed esibisce "risultati già raggiunti". Due su tutti: "Abbiamo riportato il medico a Niviano, grazie a una raccolta firme da noi promossa, sostenuta da 600 adesioni" ed è "imminente la messa in sicurezza della strada di Pieve". Umberto Boselli, arquatese, 23 enne, laureato in Scienze politiche, tenta l'ingresso in consiglio comunale a Castellarquato. Sostiene il primo cittadino uscente Ivano Rocchetta. "In questi anni sono state fatte cose straordinarie. E' stato ripianato l'enorme buco di quasi 1 mln di euro lasciato dalle precedenti amministrazioni, e - in tempi di tagli e vincoli di bilancio - sono stati realizzati: un ricovero, un asilo nido, una piazza, un palazzetto dello sport". A Caorso i giovani padani puntano su Michele Casella - a sostegno di Roberta Battaglia sindaco (lista "Per Caorso"). Casella, 23 anni, studente di ingegneria, sportivo, che ha deciso di "dare un contributo per continuare con il percorso di buona amministrazione dell'ultima giunta". Quanto a progetti, ha citato l'imminente allargamento della palestra e del centro sportivo. Valerio Rossi è invece il coetaneo in lista con "Grande Calendasco", che sostiene la corsa dell'aspirante primo cittadino Stefanina Losi.  Si candida per dare un "contributo al cambiamento, in un Comune che ne ha bisogno", dal momento che "hanno sempre deciso gli stessi". Contestata, tra le altre, la scelta di "tornare a ospitare i profughi dopo i disordini da questi scatenati, con grande preoccupazione dei cittadini".