RISPOSTA DEI GIOVANI PADANI AL GRILLINO CLAUDIO CAVOSI

Scriviamo queste righe per rispondere al lettore grillino Claudio Cavosi, che è intervenuto sul suo giornale parlando delle differenze tra Lega Nord e M5S.

Interveniamo perchè è d'obbligo rispondere ad alcune falsità scritte dal sig. Cavosi: la Lega Nord non ha votato i trattati di austerity come scritto nella lettera. Ricordiamo che nel luglio 2012 la Lega Nord è stato l'unico partito a votare contro il MES (Meccanismo Europeo di Stabilità, cioè il fondo Salva-Stati, il quale ha impegnato l'Italia a versare ben 125 miliardi di euro) e contro il Fiscal Compact  (un trattato finanziario che sta contribuendo moltissimo alla nostra stagnazione economica). Orgogliosamente rivendichiamo questo voto contrario e per fortuna è tutto gli atti, basta farsi un giro online sul sito della Camera dei Deputati. Il sig. Cavosi dovrebbe quindi informarsi meglio prima di scrivere certe frasi, perchè ne va della sua credibilità.

E, invece di cercare di fare le pulci a noi, farebbe meglio a chiedere una posizione chiara sul tema Euro all'interno del Movimento 5 Stelle, visto che Grillo ha dichiarato, in 3 circostanze diverse: "Dobbiamo recuperare la nostra sovranità monetaria", "Non ho mai detto che dobbiamo uscire dall'Euro" e "Se uscire o meno dall'Euro lo dovranno decidere i cittadini italiani con un referendum" (peccato che la Costituzione prevede che su trattati sovranazionali non siano possibili i referendum). Noi da oltre un anno siamo molto chiari sul tema euro: uscirne subito per far ripartire speranza, lavoro e futuro. A tutte le preoccupazioni  (legittime) dei cittadini su cosa potrebbe succedere in caso di una uscita dall'euro, abbiamo preparato un manualetto con l'aiuto di un economista e professore universitario, scaricabile gratuitamente dal sito www.bastaeuro.org, che risponde alle domande più comuni su pensioni, mutui, risparmi, ecc. E ricordiamo che ben 7 premi nobel per l'economia hanno dichiarato che "l'euro è stata un'idea orribile" e "l'Italia dovrebbe uscirne subito per ripartire".

Sul tema rimborso ai partiti, sottolineiamo che la Lega Nord, nel silenzio generale dei media, ha donato ben 1 milione di euro di questi rimborsi al comune terremotato di Bondeno (Ferrara). Siamo orgogliosi quindi che il nostro movimento abbia aiutato, in maniera molto concreta, molti cittadini terremotati emiliani. Infine, ricordiamo che la Lega Nord ha proposto in Parlamento l'esenzione fiscale per almeno un anno degli alluvionati emiliani e veneti: una proposta di assoluto buon senso, purtroppo non ancora accettata dal Governo Renzi.

Movimento Giovani Padani Piacenza

GIOVANI PADANE: "UNA VERGOGNA LO SVUOTACARCERI, CHE LIBERERA' ANCHE GLI STALKER"

Le ragazze dei Giovani Padani intervengono sul tema: "Tante belle parole sulla violenza sulle donne, ma alla prova dei fatti il governo ha fatto l'opposto"


Arriva anche la voce delle giovani padane piacentine sulle polemiche relative allo "svuotacarceri", in questi giorni in discussione al Senato. Infatti, con una nota, le giovani intervengono sul tema: "Il Governo, tramite diversi suoi membri, tra cui anche il premier Letta, il 25 Novembre 2013 durante la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne si è dichiarato sensibile e interessato alla questione, garantendo il massimo impegno. Peccato che meno di due mesi dopo - continuano le giovani, capeggiate dall'assessore del comune di Castelsangiovanni Valentina Stragliati e da Lorenza Rossi di Fiorenzuola - abbiano inserito tra le persone che godranno di uno sconto di pena anche coloro che si sono macchiate del reato di stalking. Cioè alle belle parole non sono seguiti i fatti, anzi proprio il contrario! Nel 2013 le vittime del femminicidio sono salite a 128, mentre le chiamate al telefono rosa per problemi relativi allo stalking sono salite del 10%. A cosa serve nominare Cavaliere la donna sfregiata con l'acido dall'ex fidanzato, come ha recentemente fatto Napolitano, se poi il Governo vuole far uscire di galera anche coloro che hanno compiuto atti contro le donne? Tra l'altro, oltre allo stalking, anche reati come prostituzione minorile e violenza privata sono entrati nella lista di quelli "meno gravi" con conseguente sconto di pena. E' una vergogna e sottolineiamo che la Lega Nord è l'unica che sta facendo di tutto per evitare l'approvazione dello "svuotacarceri", arrivando anche ad occupare gli uffici del presidente del Senato Grasso. I parlamentari che voteranno questo decreto avranno sulla coscienza eventuali nuove vittime. La soluzione al problema del sovraffollamento delle carceri è facile: basterebbe far scontare ai detenuti stranieri la pena nel loro paese d'origine, infatti ben 21854 carcerati sono stranieri (dato che proviene dal Ministero della Giustizia, corrispondente al 35% della popolazione carceraria totale). In un attimo le carceri si svuoterebbero e non ci sarebbe più il sovraffollamento con i conseguenti indulti voluti sempre dalla sinistra. I nostri parlamentari e ministri si dovrebbero impegnare in tal senso, ma purtroppo solo quelli della Lega Nord stanno portando avanti questa battaglia all'Europarlamento che, nel silenzio più totale dei media, è appena stata accolta dal Parlamento Europeo, che ha infatti accolto la petizione leghista per "l'espiazione delle pene detentive, per reati commessi all'estero, dai cittadini comunitari ed extracomunitari nei loro paesi d'origine". Ora tutti i paesi dell'UE devono impegnarsi per facilitare i rapporti tra stati UE ed extra Ue in questa direzione".

 

I GIOVANI PADANI ALLA TARASCONI: "IL GIOVANE PIACENTINO MEDIO HA VOGLIA DI DIVERTIRSI"

I giovani leghisti: "I centri storici delle città limitrofe alla nostra sono piene di giovani, perchè a Piacenza si fa di tutto per non rivitalizzare il centro?"

Arriva la presa di posizione dei Giovani Padani di Piacenza che, tramite il coordinatore provinciale Luca Zandonella, rispondono alle dichiarazioni dell'assessore del PD Katia Tarasconi: "Siamo rimasti sgomenti di fronte alle parole dell'assessore Tarasconi, la quale dichiara che "il piacentino medio" non vuole vita e movida in centro. A lei forse sembra una giustificazione plausibile per non organizzare eventi, per noi invece è una tesi che non sta nè in cielo nè in terra. Infatti - continua Zandonella, anche vice-segretario provinciale della Lega Nord - i piacentini hanno voglia di vivere il proprio centro storico: eventi come l'adunata degli alpini dello scorso maggio e come i venerdì piacentini estivi riversano migliaia di persone e di giovani nel centro città. Non bastano però appena cinque o sei venerdì in un anno per "fare il compitino" da assessore: serve una giunta che sappia far rinascere il centro per tutto l'anno. Tutte le città limitrofe alla nostra (Pavia, Cremona, Parma) hanno i centri storici pieni di giovani e di vita, perchè solo la nostra alla sera sembra un mortorio? E se Pavia e Parma possono avere "vantaggi" in quanto città universitarie, di certo non si può dire lo stesso per Cremona, che però nel weekend ha sempre migliaia di giovani in strada. Continuando in questa direzione si incentivano i nostri giovani a prendere la macchina e andare in altre città per potersi divertire. Poniamo poi una riflessione: probabilmente diverse lamentele, da parte di una certa fascia di cittadini, sono arrivate in passato anche agli amministratori delle città appena citate, ma con la volontà del fare non si sono arresi e hanno continuato ad organizzare eventi. Qui invece si ha paura del "piacentino medio" ? Noi proponiamo l'istituzione di un tavolo con l'assessore competente, il rappresentante dei commercianti ed i rappresentanti degli studenti delle scuole superiori e delle università per poter finalmente dare nuove idee e rivitalizzare una città che sta diventando sempre più triste" 


SOLDI AL CAMPO NOMADI, I GIOVANI PADANI: "COME AL SOLITO PER LA SINISTRA VENGONO PRIMA SINTI E STRANIERI RISPETTO AI PIACENTINI"

"Come al solito la sinistra si dimostra molto attenta alle necessità di nomadi e stranieri, mentre non presta la stessa attenzione ai problemi dei piacentini".

E' l'affondo del gruppo dei giovani leghisti piacentini dopo lo stanziamento di oltre 70mila euro per il campo nomadi di Piacenza.

"Arriva l'ennesima beffa a scapito dei piacentini, dopo l'ormai famoso caso dei finti profughi (25mila euro stanziati dal Comune e affitti privilegiati a 50 euro al mese).  Nel complesso sono così quasi 100 mila gli euro stanziati a favore di coloro che non hanno mai versato un euro di tasse: un dato che ci lascia basiti. E meno male che spesso si sente dire 'non ci sono più soldi' (dichiarazione ribadita da Dosi anche per giustificare la chiusura dell'asilo Vaiarini). Queste decine di migliaia di euro non potevano essere destinati ad altri scopi? Per esempio, per aiutare i piacentini in difficoltà che hanno perso il lavoro, in percorsi di re-inserimento lavorativo oppure per aziende start-up di giovani sotto i 35 anni, visto che la disoccupazione giovanile con il Governo Letta ha raggiunto il record storico del 40,4%. Altra possibilità poteva essere quella di destinare questi soldi al miglioramento della sicurezza nella nostra città, visto che la situazione nella zona di Via Roma e Via Colombo non è certo migliorata, senza dimenticare che i residenti di Mortizza sono esasperati dai continui furti (vedi quotidiano "Libertà" del 30 Ottobre). Come appena dimostrato, non mancano certo le modalità di un utilizzo appropriato dei soldi delle tasse dei piacentini, volto al miglioramento generale della città: perché la sinistra continua a privilegiare chi viene da fuori? E meno male che dovrebbero essere il riferimento politico della "classe popolare". Di certo nei comuni guidati dalla Lega Nord (e ne abbiamo tre esempi nella provincia di Piacenza, cioè Ziano, Bobbio e Castellarquato, oltre a quelli in cui partecipiamo alla maggioranza) non vengono regalati soldi agli ultimi arrivati e di questo siamo fieri".